La Lunigiana e i castelli medievali: il castello della Verrucola dei Bosi e il Castello dell’Aquila

Lunigiana, la Terra di Luni, nella parte settentrionale della Toscana, unisce un mix esclusivo e spettacolare di mare e monti altissimi.

Spiagge di Pomonte

Il fiume che la percorre, il Luni, appunto, bagna Mulazzo, Pontremoli, Fivizzano, Casola, Marina di Carrara, Villafranca, Marina di Massa, che sono solo alcuni degli incantevoli paesi arroccati in queta zona, pur vicinissimi al mare, attorno ai quali sorgono numerosi castelli: Castello del Piagnaro, Castello di Monti, Castello di Podenzana, Castello malaspina di Castevoli Castello della Verrucola, Castello di Tresana, Castello di Treschietto, Castello di Virgoletta, Castello Malaspina di Carrara, Castello di Aghinolfi
Castello di Bastia, Castello di Castiglione del Terziere, Castello di Comano, Castello di Gragnola, Castello di Malgrate, Castello Malaspina di Fosdinovo…

Il Castello della Verrucola dei Bosi, prezioso esempio di architettura medievale, vede aggiunti al mastio opriginario, nel XIV secolo. delle possenti torri: in un periodo storico segnato da estrema instabilità politica e continue guerre, i castelli in Lunigiana rispondevano principalmente allo scopo di proteggere i loro abitanti dagli attacchi militari dei nemici.
Il castello medievale cambiò più volte forma e dimensione. Inizialmente consisteva in una torretta difesa da una palizzata di legno. Al riparo della palizzata c’era il bastione, dimora del signore, gli alloggi delle guardie, dei servi e degli schiavi, che ancora oggi sono visibili e viasitabili. C’erano anche le stalle e i magazzini con le scorte alimentari. Nel secolo XV fu costruita la chiesa con un bel loggiato ad archi in pietra, che risulterà incantevole e suggestiva.

A Fivizzano, il Castello dell’Aquila, in fase di restauro, è uno dei più grandi della Lunigiana, in splendida posizione panoramaica da cui si domina tutta la Lunigiana; èè sorto nel medioevo per controllare i transiti delle cittadine circostanti e oggi rappresenta uno dei più bei castelli della Lunigiana da visitare.

Rappresentava il centro del potere di chi amministrava un territorio per conto di un re o di un potente signore, e i due torrenti Aulella e Lucido fanno da contorno al pittoresco accesso al cortile interno, circondato da un portale in pietra; nel cortile, a parte la deliziosa Cappella riconsacrata recentemente, il mastio a forma quadrangolare (del XIII secolo) e tutti gli edifici abitativi e militari, appaiono rimodellati nel corso dei secoli per trasformare il castello in prestigiosa residenza.
La possente cinta muraria esterna risale al XVI secolo per adeguare le obsolete difese medievali alle moderne armi da fuoco: le mura erano messe in una posizione strategica perchè visto che di solito i nemici tenevano lo scudo con la sinistra, passando per la pusterla il popolo poteva gettare materiale bollente colpendo i nemici nella parte scoperta del corpo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *