La Toscana è l’energia

La regione Toscana è particolarmente attenta al tema dell’energia. L’energia infatti è il motore della regione, che permette gli spostamenti, il lavoro ed ogni piccola attività della vita.
La Toscana ha molto a cuore l’ottimizzazione dello sviluppo e dell’utilizzo delle energie, consapevole di una domanda sempre crescente, e allo stesso tempo della necessità di minimizzare gli sprechi, investendo sulle energie rinnovabili, più rispettose dell’ambiente. Un giorno i petroli sotterranei si esauriranno, e ogni regione dovrà essere in grado di sostenere tutte le attività, per tempo. Per questo la Toscana sa che è fondamentale muoversi sin da ora.

La Toscana è estremamente all’avanguardia, per l’attenzione ai cambiamenti climatici e alla limitazione nei consumi: la maggior parte dell’energia viene utilizzata nell’industria, poi dai consumatori civili ed infine nei mezzi di trasporto ed il lavoro agricolo.

Una buona percentuale dell’energia prodotta in Toscana viene dal calore della terra, attraverso lo sfruttamento della geotermia, settore in cui questa regione è leader assoluta nel nostro paese.
Una percentuale minore deriva invece dalle energie rinnovabili, tra cui centrali idroelettriche e stazioni eoliche o solari. La maggioranza dell’energia viene dalle centrali termoelettriche, alimentate a petrolio o in altri casi, convertite a metano, per un’ottimizzazione dei costi e delle emissioni nocive.

È proprio la conversione, la strada prevista per quasi tutte le centrali che sfruttano il petrolio, nel prossimo ventennio.

I più recenti finanziamenti a livello regionale, vogliono incentivare l’utilizzo e la produzione di fonti rinnovabili anche e soprattutto presso le famiglie e le imprese, oltre gli enti pubblici, e i primi risultati importanti sono previsti proprio tra il 2010 e il 2011.

La regione Toscana è famosa per il suo clima mite ma stabile: alcune zone sono particolarmente soggette a forti venti, mentre nella maggior parte del territorio, il sole è una caratteristica costante. Conoscere la propria geografia, significa poter sfruttare pienamente le potenzialità che la natura ha già messo a disposizione.

A questo proposito, entro il 2020, la Toscana si è imposta l’ambizioso obiettivo di realizzare 25 centrali che sfruttino l’energia del vento; circa l’ambito del fotovoltaico, sempre entro il 2020, l’impegno è di arrivare ad una produzione di energia 50 volte maggiore rispetto quella di oggi, per servire abitazioni, ospedali e industrie: attualmente esistono già strutture pubbliche che utilizzano pannelli solari, come gli ospedali di Firenze, Lucca e Pistoia. Questi ultimi stanno ultimando la fase di costruzione.

La regione Toscana si pone dunque in una posizione moderna e all’avanguardia nel tema delle energie e del rispetto dell’ambiente: un’attenzione che avrà sicuramente risvolti positivi nella produzione e nella economia locale, incentivando attività impiegatizie e creando anche nuovi posti di lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *